Una potenziale Riserva della Biosfera UNESCO nella Sicilia nord-orientale

Giacche Verdi Bronte Riserva Biosfera Unesco 1

Riserva Biosfera UNESCO

Conservazione della natura e sviluppo sostenibile

Insieme ai nostri partner, la Fondazione Manfred-Hermsen-Stiftung, NatourSicily, Foreste&Territorio, EtnaWorldTrade e il coinvolgimento delle comunità locali interessate, stiamo lavorando per l’istituzione di una Riserva della Biosfera UNESCO nel nord-est della Sicilia.

La proposta Riserva della Biosfera, da noi denominata “Terre della Biosfera: le valli Fluviali dell’Etna”, include aree naturali protette come il parco fluviale del fiume Alcantara, una porzione del parco dell’Etna, le riserve naturali delle “Forre laviche del Simeto” e di “Fiumefreddo” e i siti delle Rete Natura 2000. L’area di progetto è localizzata tra il più alto vulcano attivo d’Europa, l’Etna, fra l’altro proclamato nel 2013 dall’Unesco patrimonio dell’umanità, una catena montuosa denominata ”gli Appennini siciliani”, i Nebrodi, e importanti fiumi e aree umide. Inoltre un elemento naturale che accomuna questi territori è il gatto selvatico, l’ultimo predatore in Sicilia, che grazie agli importanti “corridoi ecologici” presenti nell’area prescelta, ha la possibilità di spostarsi nelle aree boschive tra l’Etna e i Nebrodi. Infine, non meno importante, la vocazione agricola dell’area, con la presenza di colture come il pistacchio, le arance rosse, l’ulivo, i frutteti di pere e pesche, vari ortaggi e grandi estensioni di vigneti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERALa nostra zona di pianificazione possiede tutto ciò che serve a una Riserva della Biosfera e ha anche un enorme potenziale di sviluppo:

Il ricco tesoro naturale, la diversità di bestiame e le coltivazioni precedenti dei prodotti tipici locali, la conoscenza di erbe medicinali e culinarie, l’artigianato e gli attraenti paesaggi storici e turistici sono valori di una “zona svantaggiata”, soprattutto economicamente. Questi tesori naturali e storici potrebbero essere valorizzati attraverso la creazione di una riserva della biosfera. Questi obiettivi di sviluppo possono essere migliorati con la gestione delle aree protette esistenti, l’eliminazione delle discariche abusive, la promozione delle energie rinnovabili e dei trasporti pubblici e di un concetto (naturale) di turismo coerente.

Il progettoGiacche Verdi Bronte Riserva Biosfera UNESCO 6

L’iniziativa è promossa dall’Associazione ONLUS Giacche Verdi di Bronte, dalla fondazione tedesca Manfred-Hermsen-Stiftung di Brema, dall’Operatore Turistico Natour Turismo alternativo in Sicilia, dalla s.c.a.f. Foreste&Territorio, dal consorzio EtnaWorldTrade e in stretta collaborazione con cittadini, gruppi e amministrazioni locali interessate.

Durante una prima valutazione dell’area di studio, effettuata da esperti tedeschi, si è giunti alla conclusione che una delimitazione di spazio preliminare è necessaria. L’impegno è quello di concentrarsi sulla zona tra il versante nord dell’Etna e il versante sud dei Nebrodi. Abbiamo già ottenuto il consenso dei comuni di: Adrano, Biancavilla, Bronte, Castiglione di Sicilia, Cesarò, Fiumefreddo di Sicilia, Francavilla di Sicilia, Giardini Naxos, Graniti, Linguaglossa, Maletto, Malvagna,Maniace, Mascali, Piedimonte Etneo, Randazzo, Roccella Valdemone, Santa Domenica Vittoria, Motta Camastra, Calatabiano, San Teodoro, Moio Alcantara, Gaggi.

Per ulteriori informazioni sull’argomento consulta la nostra Brochure, la Relazione della Tavola Rotonda per la Riserva della Biosfera e segui il link: http://www.TerreBiosfera.org/